Gestire il consiglio direttivo dell’Onp. Poche regole per farlo

31907490 - managers are interviewing candidate for jobSaper gestire al meglio il consiglio direttivo, chiarendo con ciascun componente i diversi ruoli ed educandoli, al tempo stesso, su come fare al meglio il proprio lavoro all’interno dell’organizzazione, è essenziale se desideriamo che un impegno volontario a tempo si trasformi in esperienza costruttiva. Questo compito può toccare il fundraiser più o meno da vicino ma è comunque un tema che ogni Onp si trova ad affrontare periodicamente, ovvero ogniqualvolta si prospetta un cambio al vertice.

La buona volontà e un po’ di tempo a disposizione non bastano, questo deve essere chiaro.

Il reclutamento e la gestione delle risorse umane (volontarie e non) all’interno dell’Onp è uno dei temi trattati in Startup Fundraising che comincerà il prossimo 27 ottobre. Ad accompagnarci nel modulo dedicato, Raffaele Picilli, stimato collega e formatore d’aula.

Per un assaggio, qui di seguito Raffaele ci dà qualche suggerimento semplice e pratico per partire bene. Eccolo:

  1. All’interno di un Consiglio Direttivo i componenti devono agire tenendo a mente la mission e i valori dell’organizzazione. Se partecipano poco alla vita associativa, avranno molte difficoltà a interagire con gli altri membri e questo a discapito della programmazione e dello sviluppo futuro;
  2. Non devono esserci conflitti di interesse tra i componenti e l’organizzazione: nessun interesse particolare, nessun’ombra, nessuna situazione poco trasparente che possa minare il rapporto tra associazione, volontari e donatori;
  3. Non bisogna restare bloccati su “abbiamo sempre fatto così”. L’associazione deve anche rinnovarsi e ben vengano le nuove idee se sono realizzabili;
  4. Bisogna cercare di ascoltare tutti, anche chi ha una visione opposta della gestione dell’organizzazione. Gestire una riunione di consiglio non è semplice ma si può imparare;
  5. Discutere, discutere anche in maniera appassionata ma alla fine decidere. Ogni punto all’ordine del giorno deve chiudersi con una decisione;
  6. La puntualità è fondamentale quando si organizzano le riunioni. L’orario di inizio va rispettato e va indicato anche l’orario di chiusura della riunione.

Io mi trovo particolarmente in linea con la nr. 3. Tu?

——-

Raffaele Picilli è docente di Startup Fundraising, il corso intensivo al fundraising integrato. La seconda edizione ti aspetta a Milano a partire da ottobre. Iscriviti ora.

430409554_14375023804335435051

Picilli———

Guest post. Txs to Raffaele Picilli. Nel 2001 fonda il network di consulenti per il Nonprofit Raise the Wind. Ad oggi oltre 110 organizzazioni nel portfolio clienti. È l’ideatore del blog tematico www.beafundraiser.it, che raggiunge le 60.000 visite annuali. Autore di diverse pubblicazioni sul fundraising e sulle tecniche di direct mail. Ultimo testo pubblicato: “principi, tecniche e strumenti di fundraising”, Collana Bianco e Nero, CNV Napoli. Fondatore e membro del board dell’associazione professionale EUConsult Italia. Presidente del Comitato Organizzatore del Nonprofit Leadership Forum e responsabile dell’ufficio fundraising e marketing del Festival Italiano del Volontariato.

 

There are 0 Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *