La pandemia ha chiarito ed esasperato alcuni aspetti già noti ma su cui in tempi normali si sorvolova nonostante qualche scontro di quando in quando. Il Covid ha visto uscire potente l’intervento del profit che ha portato risorse fresche e importanti nelle tasche del pubblico e del privato sociale per far fronte all’emergenza sanitaria. In questa sfida, il nonprofit ne è uscito sfiancato mostrando la sua vulnerabilità.

Qualche intervento pubblico ha dato i suoi frutti, prova ne è il decreto Rilancio (scarica la brochure appena pubblicata) e le misure introdotte sul Terzo settore, ma quanto ottenuto ha più il sapore di una concessione che di una riflessione integrata a monte. E poi c’è il ruolo del volontariato che necessita di un nuovo colpo di reni per rispondere alle sfide attuali e alle nuove idee dei nostri governanti, come l’ultima sug assistenti civici.

Il sistema attuale ha esasperato pro e contro. È necessario intervenire prima che sia troppo tardi perché il passato non ci rappresenta più se non in modo residuale e il futuro si sta scrivendo ora.

Ne parliamo giovedì, in compagnia di Giorgio Fiorentini, Professore di Management delle Imprese Sociali – docente senior Università Bocconi, Maria Cristina Antonucci, Ricercatrice in Scienze Sociali al CNR e docente di Comunicazione politica all’Università Sapienza di Roma, e Rossella Sobrero, fondatrice di Koinètica, prima realtà in Italia dedicata alla CSR e docente all’Università degli Studi di Milano e all’Università Cattolica.

Interverrà inoltre Claudio Di Blasi, presidente di Mosaico APS che da oltre vent’anni si occupa di servizio civile e leva civica, che  porterà il suo punto di vista sulle ultime novità arricchendo il dibattito. Sarà interessante. Non mancare.

Prendi posto, #IscrivitiOra.

***