Fundraiser, sei pronto per questo nuovo calcio d’inizio?

33452637 - kick soccer ball in goal with loss goalman

33452637 – kick soccer ball in goal with loss goalman

Quest’estate mi sto concendendo un lungo periodo di riposo. Ho avuto un anno intenso, ricco di mille soddisfazioni ma non per questo meno stancante. Non mi sono fermata un attimo. Ho quindi sentito la necessità di prendermi del tempo dal lavoro, per la casa e per me. Ma non solo. Questo tempo mi sta servendo per prendere delle decisioni sul mio futuro professionale e su ciò che desidero per la professione.

Se mi segui e mi leggi, sai bene quanto ci tenga che il fundraising abbia la sua giusta collocazione e il giusto riconoscimento. Sono convinta che la crescita del Terzo settore e, con esso, di ogni singola organizzazione, sia possibile solo

attraverso l’uso di un fundraising professionale, gestito da persone competenti e con una formazione evoluta ed integrata.

Saper raccogliere fondi non è di per sé sufficiente, sebbene sia prioritario per la sostenibilità. Occorre aprirsi a competenze più articolate. Manageriali. Con una visione prospettica ma allo stesso tempo attenta al particolare. E occorre saper intercettare profili diversi, capaci di contaminare le nostre menti, inebriandoci di idee nuove.

Nei mesi prossimi venturi lavorerò a questo.

Non sono sola, naturalmente. Il Fundraising Virtual Hub è stato solo l’inizio di un percorso di fruttuose collaborazioni che stanno dando i loro frutti, che si ampliano e che lavorano con quest’unico obiettivo.

E’ quasi pronto il piano editoriale di contenuti per il fundraising e alcuni appuntamenti autunnali cui non puoi mancare. Ad esempio,

se stai pensando alla tua formazione nel nonprofit, aspetta ancora qualche giorno prima di decidere perché presto prenderà il via un’iniziativa ambiziosa i cui confini si stanno delineando proprio in queste ore.

Entro le prossime due settimane sarò pronta a darti un quadro più organizzato delle attività in corso di realizzazione.

A presto dunque su questo blog ma non solo. Io non vedo l’ora… Ciao!

There are 4 Comments

  • Raffaela says:

    Quest’anno anche per me è stato uno stacco da tutto ciò che è stato ed è stato veramente intenso: vita familiare, vita privata, ambito lavorativo, attività nel terzo settore , nel mio caso un’ ASD sportiva..credo che qualche imput sia sempre utile soprattutto se fluido pacato e da un punto di vista professionale , Grazie .
    Raffaela

  • Francesco says:

    Il rischio di Burn-Out, per chi lavora con passione nel Terzo Settore, è sempre in agguato. È quindi molto saggio prendersi del tempo per recuperare le energie e per vedere tutto da una prospettiva più ampia. Buon riposo.

    • Elena Zanella says:

      È verissimo. Il coinvolgimento umano è forte. Occorre prendersi del tempo per sé a volte e riprendere le giuste misure.

  • Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *